Explore Torri, As Roma and more!

Explore related topics

Il territorio, con i suoi nuclei abitati di Ruscio, Rescia, Trivio e Butino, è legato all’attività agricola e pastorale, ed in passato fu sede di celebri attività industriali, come le miniere di lignite di Ruscio e di ferro, dalle quali, secondo la tradizione, fu estratta la materia prima per i cancelli del Patnheon a Roma.

Il territorio, con i suoi nuclei abitati di Ruscio, Rescia, Trivio e Butino, è legato all’attività agricola e pastorale, ed in passato fu sede di celebri attività industriali, come le miniere di lignite di Ruscio e di ferro, dalle quali, secondo la tradizione, fu estratta la materia prima per i cancelli del Patnheon a Roma.

L’area più a monte, subito al di sotto del cassero chiamata “capo la terra”, è la parte più antica protetta dalle mura medievali. Scendendo verso valle, lungo le strette viuzze sormontate da archi in pietra, si raggiunge il borgo Cinquecentesco che si allunga a fianco del canale che alimentava l’antico mulino. Alle due estremità del paese le porte della città, Porta del Pozzo e Porta Valcasana.

L’area più a monte, subito al di sotto del cassero chiamata “capo la terra”, è la parte più antica protetta dalle mura medievali. Scendendo verso valle, lungo le strette viuzze sormontate da archi in pietra, si raggiunge il borgo Cinquecentesco che si allunga a fianco del canale che alimentava l’antico mulino. Alle due estremità del paese le porte della città, Porta del Pozzo e Porta Valcasana.

Gavelli, frazione del Comune di Sant'Anatolia di Narco, deriva il toponimo presumibilmente da un patronimico. Il castello tardo-medievale sorge lungo il percorso per Moneteleone di Spoleto, su pendio molto scosceso. L'impianto urbano è caratterizzato da una serie di strade parallele, convergenti verso la Chiesa di San Michele Arcangelo. Nel punto più alto si trovano i resti del cassero.

Gavelli, frazione del Comune di Sant'Anatolia di Narco, deriva il toponimo presumibilmente da un patronimico. Il castello tardo-medievale sorge lungo il percorso per Moneteleone di Spoleto, su pendio molto scosceso. L'impianto urbano è caratterizzato da una serie di strade parallele, convergenti verso la Chiesa di San Michele Arcangelo. Nel punto più alto si trovano i resti del cassero.

Abbazia di Montelabate

Abbazia di Montelabate

L`interno ha un`unica navata, coperta a capriate e uscente in un`ampia abside semicircolare. Le nicchie quattrocentesche (cinque) nelle pareti laterali e l`abside conservano in parte la decorazione a fresco dei sec. XV e XVI. A sinistra, nella prima nicchia, Madonna in gloria e SS Francesco, Girolamo e Antonio da Padova, di Giovanni di Pietro, detto lo Spagna (1523).

L`interno ha un`unica navata, coperta a capriate e uscente in un`ampia abside semicircolare. Le nicchie quattrocentesche (cinque) nelle pareti laterali e l`abside conservano in parte la decorazione a fresco dei sec. XV e XVI. A sinistra, nella prima nicchia, Madonna in gloria e SS Francesco, Girolamo e Antonio da Padova, di Giovanni di Pietro, detto lo Spagna (1523).

Il legame Tra Sant`Anatolia di Narco con il Fiume Nera è testimoniato anche dalla tradizione orale secondo la quale in questa valle vissero due santi eremiti provenienti dalla Siria, Mauro e suo figlio Felice

Il legame Tra Sant`Anatolia di Narco con il Fiume Nera è testimoniato anche dalla tradizione orale secondo la quale in questa valle vissero due santi eremiti provenienti dalla Siria, Mauro e suo figlio Felice

Chiesa di San Francesco, l'abside e l'alto campanile.

Chiesa di San Francesco, l'abside e l'alto campanile.

San Pietro in Valle Abbey, Ferentillo

San Pietro in Valle Abbey, Ferentillo

Scheggino è un castello di pendio a forma triangolare, coronato al vertice dal cassero dell’antica rocca. Il paese sorge sulla riva sinistra del fiume Nera in corrispondenza di un restringimento della valle fluviale, conferendo al castello di Scheggino la funzione di guardia di un passaggio obbligato dell’antica strada della Valnerina. L’area più a monte, è la parte più antica protetta dalle mura medievali.

Scheggino è un castello di pendio a forma triangolare, coronato al vertice dal cassero dell’antica rocca. Il paese sorge sulla riva sinistra del fiume Nera in corrispondenza di un restringimento della valle fluviale, conferendo al castello di Scheggino la funzione di guardia di un passaggio obbligato dell’antica strada della Valnerina. L’area più a monte, è la parte più antica protetta dalle mura medievali.

La Chiesa di San Salvatore sorge sull`area dell`antico centro di Campi, in una zona pianeggiante detta ancora oggi “la città”, su un piazzale ai margine della viabilità antica e moderna, addossata al cimitero del paese.

La Chiesa di San Salvatore sorge sull`area dell`antico centro di Campi, in una zona pianeggiante detta ancora oggi “la città”, su un piazzale ai margine della viabilità antica e moderna, addossata al cimitero del paese.

Pinterest
Search